Più osservo

Più osservo questa serie di scatti di Philip Toledano più mi convinco di una necessità di portar fuori per esser dentro. C’è un disvelamento dei segni che oscilla fra la sottomissione all’uso (il corpo utilizzato dal vissuto), e la vertigine che segue sempre quando la pressione si allenta, e ci si ri-prende. Sono forse la più bella metafora bdsm (nel suo significato profondo) che abbia mai visto–

Immagine

Fluxus– Ernesto Orrico

Ernesto by Ivana Russo
Ernesto by Ivana Russo

Così Ernesto Orrico annuncia l’imminente uscita, sul canale youtube e su gli spazi di rete, dei primi 10 capitoli del suo ultimo in progress :

Fluxus  è una rubrica di scrittura automatica che pubblico su Fatti Al Cubo. Ho registrato i vari frammenti in voce e ho chiesto ad amici musicisti e/o dj e/o manipolatori di suoni di operare un trattamento sonoro. Prossimamente i primi 10 “flussi” saranno disponibili in streaming, anticipati dal video di Fluxus #6 (Ernesto Orrico voce e testi, Raffaele Fata chitarra e programmazioni). Il video è stato realizzato da Andrea L. Belcastro.”

Leggere i testi di Ernesto è sempre un fatto pubblico. La sua scrittura ha questa potenza interna che la fa essere a un tempo privatissima (perché generatrice di risonanze soggettive sui temi che il verso in prosa riluce) e necessariamente pubblica e politica. E’ una scrittura automatica (quella dei 10 testi che si propongono alla luccicanza di una estate ritardataria ma ahimè caldissima) radicata in un territorio, in una appartenenza storica e in un non eludibile paesaggio. Risuona di odori e sapori e umori (malumori, allunati-umori) che sanno di ulivo e di mandorlo e cedro. E’ come un vino  speziato, un innesto di piante amare e poi, via via, più dolci. Un flusso.

Ed ha, in questo caso, la potenza della radio. Io amo molto, la radio. Mi manca. Mi manca una radio capace di tenerti lì, di comrpimerti nell’ascolto per poi mandarti fuori armato di: sentimenti, prossimità, inclusioni, un po’ di dolore, un po’ di sapore, una rabbia stanca, una notizia che ti arroventa e strema come un sasso di mare sotto il sole di agosto. Per questo, da alcuni anni, la forma che amo è il radiodramma.

Anche flexus è una parola latina, ma risuona anche, se guardi wikipedia, così declinata: Flexus (plurale: flexūs) è un’espressione di origine latina  utilizzata in esogeologia,  per indicare formazioni geologiche extraterrestri la cui forma ricordi quella di una cresta arrotondata o erosa.

E’ in questa seconda parola, e nel gioco fra Fluxus (flusso) e Flexus, che sento la prossimità dei testi di Ernesto a una erosione quotidiana e dolente, eppure capace e attiva nel delineare un contorno, un tratto perimetrale comprensibile e compreso. I suoi testi sono sempre al confine fra il pathos e l’ethos, fra la dimensione tragica e la polverizzazione post-industriale e post-terziaria. Sono versi in prosa, in questi testi che rievocano la bellezza rotta del surrealismo e la matrice di deposito dei sogni, dove niente è liquido, niente è mobile, tutto invece ha  un suo torpore statico fatto di corpo sociale malato ed epidemico, capace di improvvise infiorescenze. Da Fluxus 7,  in prestito:

“Differenza. La carta e la plastica. La merda e l’urina. Separare. Divorziare dal domani. C’è stato un momento in cui il conflitto pareva inevitabile. Poi ci siamo avvitati. Fissati al suolo. Inchiodati alle pareti. Donne incollate. Uomini immobili. Oggi ho bisogno di olio e sale. Di insalatare. E togliere il saluto a qualcuno. La digestione passa per il cervello. È una domanda. Un’ossessione. Un rovello. Il rigurgito passa dall’urna. Elettorale prima. Cineraria poi. Disperdere la cenere che saremo. Al vento chiedere di farci emigrare. E non restare sulle foglie. E non sciogliersi nei mari. È una teoria degli invece. Una pratica rimasta inevasa. Ogni ho bisogno di rimandare. Un esame al cuore può risolvere. O disperare. Ho letto il referto davanti a tutti. Il pubblico ha pianto. Il pubblico ha riso. Il teatro è caduto.”

E noi siam lì che lo attendiamo, questo teatro in voce,  e in rete. Fioriti d’ascolto. Flessi nel Flusso.

**

Per le le sue risonanze d’origine di Fluxus, un rinvio qui 

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: