Aver disabitato la convivenza

(nella foto, Carla Ravaioli)
(nella foto, Carla Ravaioli)

L’articolo di Enzo Scandurra, uscito su Il Manifesto del 21 gennaio scorso, raccontava con dolore, vicinanza e un po’ di disperata consapevolezza, lo spegnersi in solitudine della compagna Carla Ravaioli. E ancor più, nella ferita di una morte che arriva inaccettabile nella modalità dell’abbandono a se stessi che ci coglie quando siamo all’estremo della fragilità personale, raccontava una città che sempre meno è capace di dimoranti abitudini di convivenza, e sempre più infligge il supplizio di una disperante abitudine al fare da sé, finché si può, come si può. Devo confessare di aver a lungo sentito quel bellissimo articolo toccare le ferite di un lungo discorso sull’età terza, sulla non indipendenza, sulla solitudine fuori dal clamore dell’impegno diretto. Un discorso che si riapre nell’essere oggi figlia e nipote e amica di persone che soffrono come una lacerazione la perdita dell’indipendenza e della socialità che per ciascuno e ciascuna è stata linfa e alimento di ogni ora di vite intense e tutte legittime. Anche quelle più sconosciute e periferiche. Marina Viola mi ha condiviso ieri in privato il suo bell’intervento sulla vicinanza generata e tenuta in vita dalla rete, dai ricordi, dalle presenza intellettuali e amicali. E la ringrazio profondamente, per aver condiviso l’apprezzamento per qull’articolo che grondava amore di Enzo Scandurra (che non conosco direttamente ma che ha qui tutta la mia rabbiosa tenerezza grata). Ma credo che si debba tornare un gradino più giù, nelle vite minime di ciascuno, le vite minori, minuscole, analfabete, ricchissime di quell’amore senza salvaguardia che è fatto di frequentazioni familiari, di abitudini, di oggetti e tempi. Per ripensare la convivenza e l’impegno per non dover più voler accompagnare nessuno a morire a da solo, nella nostra fretta di produrre e pensare il futuro. Pensiamo, sentiamo, siamo e diciamo e viviamo soprattutto il presente, come ci invita a fare ogni impudico pensiero sulla bellezza intoccabile dell’essere umani. Ci sono 4 film che ho molto amato, in questi ultimi due anni, e sono Arrugas, Amour, Marigold Hotel e il bellisismo e dolente “e se andassimo a vivere tutti insieme?” Quest’ultimo, credo, molto vicino al sentimento che lega l’essere compagni (come altrove l’essere cristiani) al voler mettere una parte di sé al servizio di una vicinanza. Mi ritorna in mente l’osceno furto alla casa eremo di Renata Zarri, come il segno di un tempo che è di tutto irrispettoso. In tutti e quattro i film c’è questa solitudine abbandonata dai giovani e meno giovani, che avvolge e riveste il luogo della maturità piena e ancora tanto ricca di vigore, passione, desiderio e amore. Da qualche mese ad alcuni amici dico spesso: e se andassimo a vivere tutti insieme? Siamo alle soglie dei 50, è un bel tempo per un co hausing tutto vitale. Ma oggi, cara Marina, mi viene da dire, e da dire a ogni compagno, a ciascuno che ami il valore della vita propria e dell’altro: e se la politica, finalmente, ci lasciasse vivere tutti insieme? E’ questa per me la morte del comunismo: questo cedimento di amore che frana su una stanza vuota. Aver disabitato la convivenza.

Posto a seguire i link all’articolo di Enzo Scandurra e al post di Marina Viola sul suo blog.

http://ilmanifesto.it/morire-di-solitudine-a-roma/

http://pensierieparola.blogspot.it/2014/01/elogio-alla-follia-cit.html

the tree of life

William Gordon Lawrence, il cui lavoro e il cui insegnamento sono stati per me, accanto alla psicoanalisi, il luogo di maggior suggestione e “occasione” di pensiero e pratica della costruzione narrativa come epistemologia, si è spento il 27 dicembre. E’ con molta tristezza che penso al tempo di studio e dialogo che non potremo più condividere con lui, ma è anche con grande gioia che tengo dentro di me il tempo condiviso. Con un ringraziamento e una vicinanza a Lilia Baglioni e Franca Fubini che sono state il tramite di questo incontro in Italia, e con un pensiero particolare ai colleghi con cui è stata condivisa nel tempo l’esperienza di formazione e di pratica di Matrice di Sogno Sociale. Posto qui il pensiero di saluto che ho indirizzato alla sua famiglia e a Bipin Patel, che considero per la mia esperienza come parte di essa. Il messaggio è partito prima che sapessi dell’ampia iniziativa di costruzione di un bosco virtuale di alberi piantati alla memoria di Gordon Lawrence, e con emozione ancora una volta sento la matrice costruirsi nell’inconscio collettivo con una naturalità commovente…

“Dear Bipin,
I just learnt from Franca that Gordon has left us to go where all dreams have our memory. I am deeply grieved, and I lose a mentor which was crucial for me. While we all lose a free man who knew how to play the game of fragility in the ground with great force. Love you and embrace you with his whole family. During the training of many years ago in Rome, Gordon said he was going to turn into a tree. Yesterday, I bought a tree with white flowers that blossom in the spring that I will keep with me on the terrace of my house, like him in my dreams. With gratitude

Nerina”

 

the Gordon' tree in my house--
the Gordon’ tree in my house–
ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: