Se la vita è una cosa meravigliosa, Dio esiste e vive a Bruxelles

Ho avuto per caso, sul finire di un anno difficile, contraddistinto dal bisogno di fare chiarezza, ridefinire il sentimento del “mio” tempo, e dare il giusto spazio alle cose che sento rilevanti nel fare (a fronte di tante cose difficili che sono accadute e che accadono), il mio piccolo dono con sorpresa. Questo dono è stata la visione di un piccolo film, con dentro il gioco molto grande del dire a ciascuno sulla propria vocazione, sulla musica di dentro. Il film di cui annoto stasera mi dice: “Dio esiste, e vive a Bruxelles”.

La storia, deliziosa  e sorprendente, racconta un Dio vero del mondo cristiano costretto per autoreclusione nell’asfittico cielo in cemento di un appartamento belgain condominio, con tanto di moglie sottomessa e confinata nella gestione della casa, condannata a un innaturale silenzio, e con due figli nello stato di famiglia, Gesù (crocifisso una volta che è uscito nel mondo), e Beà, piccoletta, che mantiene nel dialogo fitto col frattello smarrito la sua linea di fuga da un Dio che si diverte persino a pensare e far vere le “sfighe” del mondo.

E Beà è proprio quella che, ragazzina e anche femmina, ridà fiato all’intero universo di fuori riscrivendo Vangeli del tutto nuovi, e ridando a quel cielo che si sa benedetto il suo ruolo di vento, di germe di grano, di vento.

Ci sono tratti di vera poesia nelle scene e nei modi, nei dialoghi piccoli, in un gioco che fra grafica e foto riprende il sentimento del sacro di proprio tutti i giorni, che trasgredisce senza dissacrare e innamora per sentimento di autentico. Come se, in fin dei conti, ci fosse una buona ragione a sapere di un Dio indifferente e di un uomo che deve trovare, uomo o donna che sia, il suo sentimento del sacro e del bello. E di sè sulla terra.

Senza perdere tempo, perché è il tempo che fa il bello dell’uomo. E nel film, grazie proprio a una donna, al destino, e a una bimba che cresce.

Qualcuno dirà: non c’è storia, c’è solo, a pezzetti, poesia. A me, invero, è sembrato del tutto realistico, con la giusta magia di rottura di schemi ed inganni che ci rende capaci di essere “fuori” e di essere nostri.

Io direi che piuttosto di Capra, o con Capra, varrebbe la vede di vedere anche questo. Perché è vero che La vita è una cosa meravigliosa, ma è vero (anche) che “Dio esiste e vie e a Bruxelles “.

Natale ch’è Pasqua

image

 

Sembra d’essere oggi
In un dì di Natale che è Pasqua.

E per questo che occorre saper essere l’ombra di tutti.

La grotta che sconta il sepolcro.
Il sogno di Abramo. La stella cometa che scorta.

L’ascolto di ogni singola festa
Non importa la storia che porta.

Importa Maria che si fa col suo corpo dimora alla cieca, importa Giuseppe che adotta.

Importa ogni bimbo che porti il destino di costola rotta.

Importa ogni uomo e ogni donna che vada per strada, importa che la voce sia canto, non guaito di vita interrotta.

A tutti, con amore, l’augurio di un mondo migliore.

Che nasca, come il primo vagito, nel segno di un eden che risuoni infinito.

Uno per tutti, di Mimmo Calopresti, un film bellissimo straziato e pietoso

Questo slideshow richiede JavaScript.

Uno per tutti, di Mimmo Calopresti, è un film bellissimo. Straziato e pietoso, capace di uno sguardo intragenerazionale commovente– con una misura del dolore più piena rispetto ad alcuni film, sia pur belli, che attraversano lo stesso smarrimento (mi riferisco a I nostri ragazzi, ed a La bella gente di Ivano De Matteo). Forse per quella citazione da Rilke.

“I bambini giocano, e gli amanti si stringono l’un l’altro- in disparte, seri, sulla semplice erba” (Decima elegia duinese)

Ma ancora, sempre Rilke:

“Chi mostra un bimbo, così come egli sta? Chi lo mette
nell’astro e gli dà la misura del distacco
sul palmo? Chi fa la morte del bimbo
da grigio pane, che si rafferma, – o la lascia
dentro alla bocca tonda, come il torsolo
di una bella mela?….Omicidi:
facile riconoscerli. Ma questo: la morte,
l’intera morte, ancor prima della vita
averla così dolcemente in sé, e non esser cattivi,
è indescrivibile.”

(prendo la traduzione di questi versi della Quinta Elegia da http://www.federicaceranovi.com/rainer-maria-rilke-le-ele…/…)

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: