Parla, mia paura– Il sentimento della relazione

Ho letto un numero di pagine pauroso sul tema della depressione. La depressione abita nei cerchi limitrofi al mandala che non sono ancora, o forse sono in differenza di continuo, da tutta quanta la mia vita. Con la fortuna di aver avuto accanto (nelle persone del mio mondo) uno specifico e incantato modo, che alterna una bellezza folgorante, l’alone di una pace, la fitta del sorriso grande, a una malinconia incurabile, che non può essere toccata ma che reclama sempre la carezza dell’accanto. Fra tutte quante le pagine che ho letto, che ho cercato, che ho incrociato, queste dell’ultimo lavoro autobiografico di Simona Vinci mi è arrivato dritto dritto dove deve: non al cuore, perché la vicinanza al cuore è un impossibile. Più sotto, più dentro, più diretto, al centro dell’amigdala. Per la misura non retorica, per quella nitidezza dello sguardo, per tutta quanta la capacità di stabilire che la relazione è ancora e sempre al centro di una salvaguardia. Per l’ottimismo faticoso di una ragione che si nutre al sentimento del tempo, delle cose. Per quello sguardo politico sul non poter avere tutti il giusto posto dove portare il peso, o la paura. Per quella “ragna” di cui parla, per le parole sul saper essere madre senza pretesa di assoluto, eppure così forte, così salda. E per quel suo capitoletto su Venezia, sui giardini, sui luoghi di un ospizio che vorrebbe farsi carico, ma non sappiamo. Per la laguna in cui ho visto navigare una delicatezza così grande che si vorrebbe dare al tratto sempre. Credo che noi si debba leggerlo, questo librino così lungo a separare a fine di lettura, che si conosca o no quel tipo di inquietudine che taglia il mondo, a volte, completamente fuori dallo sguardo. E’ come una dichiarazione di prossimità, di vicinanza. L’offerta di una convivenza con qualcosa che non si può con-vivere. Ma che si può ospitare, confortare. Come si rifocilla quel pellegrino che non s ala strada, che fa Santiago tutti i giorni, in ogni luogo. Se io dovessi regalare, in questi mesi, un libro, per dire di come sia doveroso saper ricostruire la parola tra, lo sguardo tra, ecco, io sceglierei questo librino. Alla sua autrice un grazie, da sconosciuta a conosciuta per parola. Grazie di aver osato. Di aver guardato dentro, ma così tanto anche qui fuori, dove si incontrano gli sguardi Davvero qui, fra quelle pagine, non v’è parola d’odio. Senza che passi alcuna troppo ottimistica e potente ricetta di pensiero positivo. Di positivo, la bellezza della storta che prendiamo camminando, del passo che perdiamo, dell’autobus che a volte non possiamo prendere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nerina guarda Genny

Model Genny Silvestrini
MUA Daniela Argiolas e Claudia Hawkeye
Master Alex Comaschi
Ph Nerina Garofalo

Grazie a InAutomatico Fotografia e grazie a Riccardo Vinci

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: