Tutto parla di te

E’ del 2013 il bellissimo film documentario di Alina Marazzi dedicato al momento che attraversa la vita di ogni donna al passaggio dalla gravidanza al parto, e ai primi mesi di vita con i propri figli. In particolare l’attenzione si posa sulla sensazione di solitudine che può attraversare il passaggio dalla libertà individuale alla responsabilità duale, quando la vita delle madri viene chiamata a uno sconvolgimento radicale dei tempi, dei modi, del corpo e della relazione col mondo. Benché i vissuti siano individuali e differenti, la Marazzi, con la delicatezza meravigliosa che la contraddistingue sempre, tocca in questo film molte pieghe non viste, molte cicatrici non curate per tempo, e due cose bellissime accosta a resoconti di infinita tenerezza. Due frasi fondamentali per ogni esperienza di cambiamento radicale: saper che “i bambini son più forti di quanto non possiamo immaginare”, e, sopratutto: “tu hai potuto [star bene] perché non sei stata lasciata sola”. Anche qui, quindi, in richiamo a una attenzione sociale, amicale, di coppia, terapeutica, di cura e di prossimità ai vissuti delle donne. Un richiamo costante a una militanza nelle cose. La bellezza del sapere che qualsiasi sentimento ci attraversi, la prossimità all’altro, e alle altre, è una risorsa di infinita forza mentre possiamo sentirci molto fragili per tutto quello che ci cambia, sia pure per amore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Andiamo e basta

Tonia, (I, Tonya)  di Craig Gillespi e “Un sogno chiamato Florida” (The Florida Project) di Sean Baker sono i due film che ho più amato in queste settimane.

Entrambi i film, ricchissimi di interludi poetici e all’interno di una narrazione durissima, attuale, maestosa ed epica, si posano con dolcezza e rabbia in una quotidianità straziata. Sono tutte femminili le figure che tratteggiano nei due film il tema terribile dell’esclusione sociale, della “vacatio legis” per le leggi del cuore, e del drammatico vigore del diritto sui sogni, spezzati  e rotti da un sociale costretto. Nel rigore scaltro delle consuetudini ed usi (nel caso di Tonya), nel rigore socioeducativo vuoto d’amore solidale nel caso di Florida Project. Andiamo e basta

Questo slideshow richiede JavaScript.

Madri devastanti, mariti maltrattanti, ossimori d’amore e solitudine tanta sono i fantasmi e gli agiti che attraversano la vita della pattinatrice Tonya, irriverente, caparbia, non amata per sempre, a cui qualcosa che non comprende ruba ogni volta un destino. Per darle poi occasioni che non riparano il sogno. Quel pronome nel titolo, la paroletta Io, è come un corto richiamo che si fa sempre non ri-detto.  

Madri amorose e ferite, persino troppo conniventi, complici spezzettate di un quotidiano sottrarsi, nella miseria immensamente libere e immensamente sole, nel panorama americano ad un passo da Orlando, per la piccola stella di Florida (Project).

E poi bambine tra-vestite desiderose di svestirsi, di liberare nel tempo il loro modo e il loro tempo. Che è solo tempo che chiede un amore possibile. Che non sa dire, non sa gridare, la parolletta addiio. 

Madri confuse per troppo amore, madri contorte nel disamore. Bimbe dai muscoli forti desiderose di andare. “Dov’è che andiamo?” chiede un amico alla piccola protagonista del sogno di Orlando. “Andiamo e basta”, meravigliosamente, risponde lei.

E noi, e noi dov’è che andiamo? Come ci prendiamo cura di tutto questo amore di ogni persona che non può? Come ci facciamo carico di tutta questa sostenibile esclusine sociale, che dura oggi come negli anni 90, e non muta forma, non perde il pelo né il vizio? Smettiamola di cincischiare, andiamo e basta. #politicamenteAvanti 

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: