Con Zop – La Kan

La signorina Kan

Da qualche anno vivevo con lei quella regolarità rassicurante scandita in quattro 4 movimenti mensili. Uno in discesa, due di accomodamento, il quarto per risalire e riprender fiato. Questo ciclo lunare trovava compimento nello studio della dottoressa Kan. La dottoressa Kan era una psicanalista di origine cinese. Piccola, scattante, ma in qualche modo rassicurante e persino a tratti materna, accoglieva il flusso dei miei sogni e dei rantoli della ragione nella speranza che la lunga terapia, che in verità da un po’ procedeva asfittica, trovasse compimento. La nostra regola era rigida. Oltre il calore salvifico e generatore di progettualità delle sedute, le regole del nostro rapporto erano sempre di cortese reciproca inesistenza. Nessun cenno alla vita personale, non più che un cenno di saluto se ci si incontrava al bar, sotto il suo studio, nella meditabonda mia ricerca di sostegno alimentare prima dell’immersione nel rumorio dei sogni della sua stanza. Mi ero dato, negli anni, una norma interna, derivata credo dalla natura del rapporto, per cui davvero, non mento, non avevo sulla dottoressa Kan nessun tipo di fantasia segreta troppo intima. Solo le doverose sue presenze nei sogni della notte al posto mio. Era, in fin dei conti, come avere un pupo da ventriloquo, ad uso e consumo dell’inconscio. Da quando avevo aperto il mio account su FB, però, tutto si era fatto più difficile. Mi ero tormentato nel desiderio di sbirciare nella rete delle relazioni private della dottoressa Kan, quasi a rivelare, nella neutra inesistenza del virtuale, tutto quello che la realtà e la mia infarinatura di etica analitica mi imponeva di ignorare nel mondo vero. Così, distrattamente, ogni tanto digitavo il nome della dottoressa Kan, immaginando che finalmente avesse aperto le maglie strette delle impostazioni di sicurezza. Ed ogni volta niente. Vedevo solo quel “manda un messaggio a Elisabeth Kan”, oppure “diventa amico di Elisabeth Kan”. Facile a dirsi. Ero mica un amico, io. Tenevo questa voyeuristica occupazione al di fuori dalle conversazioni analitiche, era il mio piccolo, molesto segreto. Finché un giorno, nel racconto di un sogno, viene fuori, dalla mia malalingua associativa, un pellicano. Ero del tutto comodo, comodo comodo nella mia seduta, nei miei 45 minuti di delirante ottimismo, e narravo quello che notti prima si era affacciato alla finestra del mio Es. Un pellicano. Con quelle lunghe gambe, e il becco. Ed io, nella foga associativa, a un certo punto dico: perché sa, secondo me il pellicano del sogno era lei, sa… lei ha un pellicano sul suo profilo di FB, vero?. Silenzio. Silenzio assenso (costretta dall’etica a non mentire mai, la signorina Kan). Io mi ero di colpo sentito mordere da sotto, come mi fossi lasciato sfuggire qualcosa di inquietante. Peggio che una carezza all’altare di Onan al mattino, sull’immagine sacrale della dottoressa Kan. Ero arrossito, mi ero imbarazzato, e avevo pensato a come Facebook fosse peggiore di un luogo dell’inconscio, capace di disvelare quella morbosa attitudine narrativa che mi aveva costretto, più della curiosità, a sbirciare dal buco della serratura della vita della mia analista. Poi, finalmente, era arrivato il quarantacinquesimo minuto, e avevo potuto portare me e la mia morbosa frequentazione fuori da lì. Per giorni mi ero chiesto come avesse preso, la dottoressa Kan, quella intrusione. Lei, così precisa nel riserbo, nonostante la regola dell’accoglienza. Poi, dopo qualche giorno, mi ero affacciato, come fa un tossico alla dipendenza dai vissuti, alla finestra virtuale della dottoressa Kan. C’erano sempre alcuni account intestati a delle Elisabeth Kan, ma nessuno le corrispondeva. Le foto anonime di signore mature, naturalizzate in America, alcuni avatar vuoti a tutelare una trasparenza. Il pellicano era scomparso, lasciandomi solo. A domandarmi se esistesse o meno una vita vera, taciuta al mondo ma detta a Facebook, della mia adorata, sconosciutissima, privatissima, signorina Kan.
(Nerina Garofalo – Roma, 4 agosto 2011)

Racconto inviato al CastelloVolante – La casa editrice CastelloVolante, per il concorso indetto in collaborazione con Zop, un concorso letterario gratuito aperto al popolo della rete (blogger, facebook, twitter, ecc.). Il racconto è ora nell’Antologia  FACEBOOK SCORIES [cronache di vita 2.0]

Scarica l’antologia in ePub

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: