Stanze con case e con lettini e giravolte

Ho ricevuto molti mesi fa in lettura, dall’autrice, Stanze con case, di Letizia Dimartino. Nata a Messina nel ’53, vive a Ragusa ed ha al suo attivo un gran bel numero di raccolte. Mi scuso con Letizia per il tanto tempo che ci è voluto a prendere lo spazio per dar conto a lei, innanzi tutto, di una lettura che è stata fatta subito, ma rifatta nel tempo alla ricerca di un filo che sentivo forte e netto ma non coincidente con quanto espressamente la nota introduttiva (a cura di Gabriella Sica) rimandava a me lettrice.

Questa sua Stanze e case, così convulsa nelle Stanze, così più ferma nelle Case, ha il tratto bello e denso della scrittura in prosa. Senza che in questo ci sia alcuna diminutio. Ci sono case e stanze e anime e ritratti, ci sono versi di preghiere e girotondi che si fan da soli, e sembrano dervisci. C’è pieno e dolorante lo sguardo infante della piccola Letizia, che si dimena fra quei mantra, e le magie, e le rabbie. E sembra quasi di stare sul quel percorso di scrittura che spesso si accompagna all’uso del lettino. Come una verbalizzazione in chiave lirica di tutto un lungo ed irto percorso di ritorno, dal verbo alla parola, e alla parola per tornare al verbo, senza che ci sia luogo fuor dall’uscio.

Incontro ricco, questo, con la poesia di questa donna che scrive come se sognasse, con quel tempo scandito dalle claustrofobie spesso infinite che hanno i sogni. Come se non ci fosse fuori che abbia senso. Ci sono morti, e sparizioni, e invocazioni. Ci sono bende, occhi segnati, perdite e poi letti in cui si nasce, non si nasce, ci si addormenta ci si incontra. Uno dei versi più potenti ne richiama il senso nel letto che si eredita e si abita nel dopo delle stanze.

E’ la sola raccolta di Letizia che ho incontrato ad oggi, ma le sono davvero molto grata. Per averla inviata a una lettura che ha sentito la traccia di un percorso, del quale stento a dire perché lo sento in quell’azzardo di lettura che è sempre lì dove le pagine incrociano il lettore.  Un percorso che va di stanza in stanza, come si fa quando bambini rigiriamo anche per ore sul bordo dritto di una mattonella, e quell’andare è un pregare e un benedire, chiedere aiuto e fare di ogni immagine quell’Angelo che ancora non sappiamo se riporti in salvo, e come, e dove.

Si legge come si sta di fronte a un nastro, bianco nei capelli, che si veda scivolare nelle forme del vento, quasi che la bambina piena di parole nelle stanze potesse trasformarsi in aquilone quando compare nelle Case la finestra, e per la prima volta è aperta. Un fitto andare che non va se non per porta, da camera in salotto, con la cucina che trabocca. Scrittura femminile ed ospiti maschili in mente aperta, come se solo lì potesse darsi una salvezza, un’ancora, un appiglio. Per colpa, per mia colpa, per mia grandissima colpa, recita la preghiera e noi con lei in letizia. Quasi che il nome illuminasse la forma del tormento, spegnesse un po’ la rabbia che tormenta noi bambini.

Non so sir altro, di una lettura che mi ha toccata nel profondo. Come succede quando si accede a un testo del rimosso, come sbirciando nel percorso di qualcuna che ha abitato, un pochino, accanto al nostro. Verso che sembra coinquilino a una ricerca, che da diario passa in verso e approda, infine, proprio vicino ad una stanza che sappiamo, e a un letto che sappiamo essere stato un poco nostro.

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: