Con Marco Cazzato – Rizoma

Rizoma (di maiko)

23 novembre. La paziente Chiara Erenzi ha lasciato lo studio. Oggi è l’ultimo giorno di una lunga terapia durata più di dieci anni. La signora Erenzi, arrivata da me poco più che giovane, manifestava i segni di un dialogo interiore distorto. Perseguitata da fantasie inibitorie, venne da me dicendo che sentiva il suo gatto parlare. Si sentiva osservata e ammonita dal felino che pure amava intensamente e che aveva allevato. Accusava frequenti attacchi di panico che le impedivano lo svolgimento di una vita normale. Ogni luogo che fosse troppo ampio o troppo stretto, provocava nel suo animo l’ingestibile sentimento della morte imminente, come se da ogni ponte si dovesse necessariamente precipitare, e ogni ascensore dovesse divenire un sasso scagliato verso il confine basso. Negli anni trascorsi abbiamo lavorato molto, inseguendo il rizoma delle sue proiezioni. La sua empatia disegnava la rete delle inestricabili radici di una pianta incapace di dirimere le maglie di una attenzione patologica. Era ed è, la signora Erenzi, inguaribilmente malata. Di un amore improvviso e duraturo e incapace di separazioni. Nutre per tutto ciò che tocca un amore malsano e tumorale, che le impedisce di recidere le escrescenze malate delle proprie radici per reggersi da sola. La signora Erenzi è avvinta al mondo. Come uno spazzino che pratichi il mestiere da secoli, è una collezionista di carbone, così dunque il suo corpo pesa davvero troppo e riesce a far crollare i ponti. Nelle grandi piazze, non potendo abbracciare con le sue radici gli sterminati confini, si sente morire, come un albero le cui radici non tengano. Conclude oggi la sua analisi, portando con sé, come una sposa il suo strascico, le radici ancora impigliate anche a questo lettino. Uno strascico bianco legato per sempre. Per questo la vedo oggi, mentre scrivo, vagare per le strade con il suo ennesimo fardello, un corpo piccolo, un grande manto, e mille oggetti impigliati nelle frange. Il dottore chiude l’agenda, la luce nella stanza si fa fioca. Cinque mq di bianco e molti oggetti in legno. Un mappamondo, una maschera, un antico telaio. Dai suoi piedi, verdi radici. Scendono piano nel pavimento e scavano il suolo, fino a perdersi da un piano all’altro, nel ventre oscuro del palazzo.

*

Concorso Blog&Nuvole, Segnalazione speciale per Maiko e Marco Cazzato autori di Rizoma (sezione“onirica”)

http://blogenuvole.wordpress.com/2012/01/15/rizoma/

(by Marco Cazzato)

**

http://blognuvole.splinder.com/post/19757140/Rizoma nella illustrazione di Francesca Popolizio

(by Francesca Popolizio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: