Lei disegnava gatti per vivere

Immagine

(photo by Andy Prokh)

Lei prenotava e amava i ventagli di sfoglia,
li usava a volte per dar vento al fuoco,

e aspettava, in centro, i tavolini al café,
e in particolare uno me lo sento nostro.

Abbiamo detto lì, solamente tra donne ,
spiritosaggini savie e  frivolezze cruciali.

E siamo andate in un altro, questa volta ai Prati.
per dare esattezza al vuoto del centro.

Ed era tutto femmina, comprese le borse,
sia le scure agli occhi che le prese con grazia

per farne colore di libreria africana
da lei che, ragazza, disegnava gatti

e difendeva i bambini regalando loro
le piccole pile da decostruire con zelo,

una volta intuita la fonte di luce.
Aveva fiori bianchi in seno al terrazzo
e una fedeltà struggente a ciascun amore.

E soprattutto ad uno. Al solo.
Avevamo sempre sin troppe sigarette

a mettere zitto il dire di noi. Ed era
il suo  sguardo che indossava i suoi occhi,

e il corpicino snello li portava a spasso.
Lei non era un’isola, era un arcipelago,

come si conviene a chi pratica il sogno .
La parola ora mi si fa inesatta, si disturba ed esita,

se mi provo a dirle
(quale fosse dentro)
il sentimento del tè.

Lei con noi rideva dei miei tre porcospini
venuti i a Londra a dirmi

e portati al maestro
come da tre bambine,

 col sorriso buono
sotto i baffi da uomo.

Tu che sei così ricca
lo sapevi per certo
quanto è sciocco pensare
che ci siano Gestalt
che è possibile chiudere,

o poter consumare d’un fiato stasera
l’amore e il dolore  che mi dicono, te,
cenerina ai poeti.

Sono certa, coi poeti, anche i gatti
sapranno sognare con te.

Ciao Lilia.

 

Autore: Nerina Garofalo

Personal coach & Narrative thinker

2 pensieri riguardo “Lei disegnava gatti per vivere”

  1. Ascoltarti al funerale mi ha regalato un piccolo senso di pace.
    Credo che mi servisse proprio quello.
    Non ricordo molto di quella mattina. C’era chi mi aveva consigliato di non venire.
    Dopo il calvario del sapere cosa fosse successo, mi sembrava davvero troppo non salutarla per l’ultima volta.
    Lì, in quel posto di cui avevamo parlato tante volte, mi sono sentita bene. Ci volevo portare i miei bambini una volta, mesi fa. Lei aveva sorriso a sentire il nome di quel posto.
    Poi in verità non è stato possibile farlo… lo farò…
    Ne avevamo parlato in seduta, parlavamo della morte ultimamente. Da quando, a ottobre, un ragazzo si è lasciato andare giù dal terrazzo condominiale del mio palazzo.
    I cimiteri sono un po’ giardini delle fate.
    Il mio bimbo più piccolo mi ha fatto trovare un disegno da portarle la mattina del funerale: lo ha intitolato così, “il giardino delle fate”.
    E’ un’immagine bella, che mi tiene compagnia senza dolore.
    E che sarebbe piaciuta anche a lei. Lo so.
    Grazie cara Nerina,
    Luisa

    1. Cara Luisa, il tuo commento è un dono,molto grande. Non riesco molto a pensare a Lilia come assente, in un certo senso la percezione è sospesa dentro di me. Ti auguro molti sogni e molti luoghi dove trovare le fate, o dove portare i disegni che noi facciamo di loro. Sono certa che il lavoro fatto conLilia ti sarà in questo di continuo amorevole aiuto. Un abbraccio, e ancora grazie.

Rispondi a Luisa Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: