Sulla soglia di un giardino d’inverno – La vita umana sul pianeta terra

Sui gradini di un giardino d’inverno

 Immagine

 

 

 

 

 

 

 

Bisognerebbe avere molta grazia, una lucidità scevra da una rancorosa furia e un sentimento etico profondo per sentirsi autorizzati a scrivere dei delitti e delle pene. Alcuni giornalisti hanno queste capacità e il giusto grado di candore, e così alcuni autori, di poesia e letteratura. Non moltissimi, invero. Ma nemmeno così pochi. Almeno non se allarghiamo il cerchio dal confine nazionale a una dimensione globale del dire e produrre narrazione.

La capacità di stare in quella che io chiamo cronaca inversa (forse definibile come una narrazione aperta all’ascolto di un tutto tondo e degli interstizi e della ragione delle cose, senza alcun bisogno di attingere al  vocabolario dell’orroroso, al lume stretto del medioevo, al movimento cannibale a tavola imbandita), è il fondamento del romanzo. O meglio, di quel romanzo che si schiude alla poesia, perché utilizza più volte il piano sequenza per seguire e condurre, e tracciare, senza l’ambizione insoddisfacente a se stessa di una tesi da pre-supporre.

In quel luogo, dove la strettoia si fa fisica al passaggio nell’ombra delle stanze, e dove odora l’odore e ciascun volto ha i suoi tratti, e i fatti sono i fatti e i sentimenti tutti provati e dati, io credo si realizzi la scommessa di una politica del senso. Una costruzione di valore per ciascuna cosa, prima del giudizio e perché infine sia possibile sapere da che parte stare, in vita, convivendo. 

Questo accade nei narratori di razza umana, quelli che abitano il pianeta terra, pur dolendosi e alla ricerca di quell’iris che cambia le cose. Questo accade, nella mia lettura di per sé parziale in quanto soggettiva, nei romanzi di Giuseppe Genna, che contengono sì poemetti in prosa, ma che anche, in questa inversione della cronaca, sono capaci di ospitare ossimori e parti rotte del puzzle che ci contiene non senza qualche cedimento alla vertigine del nulla, lì dove finalmente vediamo. Come siamo fatti e quale odore abbiamo, e che ciascun odore è il prodotto di un corpo (sociale e individuale) che si forma, cresce, si esprime, matura, decade e infine (forse) muore.  Così dunque, io ritrovo lo stesso passo e lo stesso NorthPlace sdrucito, se prendo in mano il Dies Irae, Fine Impero e questo suo ultimo La vita umana sul pianeta terra. Diversissimi tra loro, hanno questa capacità di aprire il dolore senza alcun bisogno di passare dal macellaio, di costruire un’etica senza indicarla, di definire una politica per le città, rimembrando con Soupault fra i campi magnetici che le uniche città morte sono quelle che non abbiamo amato.

La vita umana sul pianeta terra è un libro bellissimo, così come bellissimi erano i capitoli di apertura e chiusura di Fine impero, ci sono dentro tanta vita e morte e vita e morte e vita morte da togliere il respiro. Eppure c’è la sospensione, che è proprio a tratti come un soffocamento da prossimità, un esercizio erotico di rantolo pre-morte. E una emergenza improvvisa di tutte quante le fitte di amore non trovato che consentono la sopravvivenza del pianeta terra.

Piuttosto che fermarci sui tristi accadimenti e le parole sbagliate e gli affanni sociali e le buone intenzioni che in questa settimana hanno invaso i social, i giornali, i servizi in tivù, ecco, io vi direi: leggete La vita umana sul pianeta terra, cominciate da lì, e per favore, in un discreto, accogliente silenzio. O riprendete, se volete usare la parola madre, la parola padre, la parola figlio, anche Elisabeth di Paolo Sortino. E infine, mettete Hitler sempre di Genna, sui vostri scaffali, però, vi prego, leggeteli sulla soglia di un giardino d’inverno.   

Autore: Nerina Garofalo

Personal coach & Narrative thinker

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: