Elle, Huppert

 

Elle, di Paul Verhoeven (2016), non poteva che esser cucito a pelle sul viso e il corpo di Isabelle Huppert, forse l’attrice vivente più vicina al portare su di sé la bellezza del tempo passato e futuro senza curarsi del presente.  Accanto a lei mi vengono alla mente soltanto le francesi Deneuve e Ardant. Il film, che è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2016, è un adattamento cinematografico del romanzo del 2012 “Oh…” di Philippe Djian (autore anche di “37°2 al mattino, Betty Blue”). Vederlo, in giorni contraddistinti dal martellare mediatico su cronaca e disastri di una strategia della tensione più dura che mai, è stato benefico, salvifico. Il film ha al suo interno una attenzione costante al potere, anche benefico, delle ambivalenze, la capacità di salvaguardare equilibrio e benessere in mezzo al guado sapendo scendere nella relazione stretta che fra bene e male, attrito e carezza, colpa e abuso, senza sconti a nessuno, se non alla capacità individuale di sopravvivere, infine, anche potendo curare, restituire una dignità a se stessi e all’altro in qualsiasi difficile estremo ci si trovi. Fa bene il cinema alla nostra ormai sterile tendenza a tagliare con l’accetta invece che a segnare ogni più piccola e in sé preziosa sfumatura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...