Shiai e Ai – Combattimento e amore

Shiai e Ai, di Lamberto Garzia (Effigie, 2014) è un poema amoroso che si legge per immersione. Se dalla dimensione dimorata del tatami passiamo alla cinestesia che i versi producono in lettura, è questa l’esperienza di prossimità, in separazione rispettosa, che ci resta. Addosso.

C’è come un compromesso di lettura che porta a stare approssimati a quello shoji, a quella leggerezza che separa e che protegge, come per tratti il sogno il sonno, eppure esterni, complici in visione, persino un po’ segnati dagli umori e dai sudori e dagli odori.

È un libro bianco, un fiore di ciliegio. Ci son voluti alcuni mesi perché volessi che la lettura fosse colma, ed in deriva dove tutto poi sfinisce, perché davvero raramente ho ritrovato così integra la trama di una seta mossa al vento. È stato come fosse un canto in movimento, un mimo di ansimi e sussurri, con gorgoglii, e imprevedibili silenzi.

Ti resta dentro qualche cosa che soltanto pochissime strutture hanno per sempre. Qualcosa come il volo di Francesca, che ti tiene lì, e rigiri, o in tempi di fine ‘900, le Quartine di Valduga.

Ed è istruttivo e ti addomestica, quell’uso a cui costringe la distanza dalla lingua del glossario, per farti ritrovare intatta una naturalezza, struggente e potentissima, in questa lingua doppia che sa ridirsi una, pur mantenendo ogni precisa sfumatura di distanza.

È come se noi avessimo la stretta di potenza che toccava Oshima, e che però lì stava un po’ contaminata al mondo, e la vedessimo salire, risalire, ridiscendere, guaire, addormentarsi, sfiorire, incenerirsi e ricomporsi in fiore, fino a ridire di una stretta che matura, rende liberi, si infiora.

Andrebbe reso testo a scelta nei licei, questo poema, per la potenza e la corretta dimensione dell’amore che ci consegna e di cui ha cura. E leggerlo trafigge un po’, ci intaglia una misura: dei versi, dei silenzi, dei rumori che si sentono frusciare, sotto.

Come se fosse un segno nel ciliegio ancora non piantato nel grembo del combattimento.

Rischioso dire, di un libro come questo. Che per delicatezza ha qualche porta chiusa, nonostante lo si rilegga ancora, e adesso.

Ma anche, peccato che non passi, e non la si sussurri, questa sua perfezione apertamente stretta, come si fa per voce clandestina, un mugolio da dietro un paravento trasparente. Sarebbe questo, il modo giusto, per questo testo così intenso.

(Nerina Garofalo, agosto 2014)

Autore: Nerina Garofalo

Personal coach & Narrative thinker

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

Omologazione Non Richiesta

Scrivo perché ho imparato a leggere

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: