Uno per tutti, di Mimmo Calopresti, un film bellissimo straziato e pietoso

Questo slideshow richiede JavaScript.

Uno per tutti, di Mimmo Calopresti, è un film bellissimo. Straziato e pietoso, capace di uno sguardo intragenerazionale commovente– con una misura del dolore più piena rispetto ad alcuni film, sia pur belli, che attraversano lo stesso smarrimento (mi riferisco a I nostri ragazzi, ed a La bella gente di Ivano De Matteo). Forse per quella citazione da Rilke.

“I bambini giocano, e gli amanti si stringono l’un l’altro- in disparte, seri, sulla semplice erba” (Decima elegia duinese)

Ma ancora, sempre Rilke:

“Chi mostra un bimbo, così come egli sta? Chi lo mette
nell’astro e gli dà la misura del distacco
sul palmo? Chi fa la morte del bimbo
da grigio pane, che si rafferma, – o la lascia
dentro alla bocca tonda, come il torsolo
di una bella mela?….Omicidi:
facile riconoscerli. Ma questo: la morte,
l’intera morte, ancor prima della vita
averla così dolcemente in sé, e non esser cattivi,
è indescrivibile.”

(prendo la traduzione di questi versi della Quinta Elegia da http://www.federicaceranovi.com/rainer-maria-rilke-le-ele…/…)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...