Campus stellae

 

(Photo by MrToledano)

 

La perdita di sguardo

che dirama e si fa fitta

al varco fondo della

notte di Natale. La pelle

che sfiorisce al mondo

come un latrato che scompare.

La preghiera dei corpi che

non reggono il passare,

la fitta estrema che abitiamo,

l’arto fantasma datoci

per respirare e camminare.

Il cuore morso, la boccuccia

da sfamare. Campo di stelle,

e fiato per scaldare.

(accanto a Campus stellae, per Natale)

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...