L’educazione delle fanciulle

Polaroid by Nobuyoshi Araki (Lady Gaga)

Perdersi. E come ci si perde?

Cosa si sperde? Essere un piccolo rigagnolo,

una fuoriuscita, un gorgo, un gioco erotico

di pioggia d’oro che innamora.

E predeterminare, che ci sia un arrivo,

e invece no, non ristagnare nella

previsione del tratto, che sia pur breve, oppure.

[Perdere la poesia di quelle bettole, le quasi

fetide che non frequenteremo mai,

vedere l’ultimo di quel regista che

a quindici anni abbiamo detto–

è nostro. E poi saperlo che non

si può ridefinire la distanza con

la simulazione dell’incontro.]

Atemporale. E quante nubi.

Letti disfatti, morsi ai polsi,

e mi si scomoda nel dentro

quella sottile tenerezza che ho

provato quando ho pensato

che tu avessi settant’anni.

Ed io volevo fartelo rizzare,

lo dico come i maschi,

più per bruciare quell’età così

molesta, quasi temendo che l’orzo

sperperasse la minestra.

Ma pensa, se si comincia

da una carezza più che spinta,

che si è insinuata allora

come una ruvida signora

fra le gambe, e ha detto:

no, non posso. Nemmeno

l’ombra del ritaglio, titolo sul

giornale. Ma noi i giornali

nemmeno li leggiamo. Ci

incartiamo, terra e pesci.

Siamo due angeli che si masturbano

negli angiporti, e Saffo ci interessa

solo per la sua molle temperanza

da lesbica incallita. Siamo così

capaci di dissacrare e poi

beatificare quando piangiamo

l’orlo del destino, il morso al

culo della morte. Siamo due maschi,

con il sesso in mano. E’ cominciato

lì, dove era quell’albergo, di cui noi due

frequentavamo solo il bagno,

tolette per signore e ombretto viola.

Ricordati di portare il burro in tavola,

che non sia mai ri-detto che a noi

non ci emozioni la sodomia del maschio

che conturba la famiglia. Mi fai spiare tutte

le signore, ed io ci gioco, come il dottore

nel libro base di ogni inizio sadomaso.

E sottosopra infine ci restiamo,

e nemmeno ci proviamo, a dire che

a noi ci dura, il duro. Si è fatto tardi,

e mi sarai per sempre caro,

come un piccolo colle senza colla,

a noi mica ci piace, essere cosa che

s’appiccica. Piuttosto, abbiamo dato,

e diamo, e dimoriamo.

Senza una casa, la poesia si mescola

al letame. E questo è un dono,

che consapevole restituisce il bene

e lo sconcerta in alto mare

il verbo incatenare. Miele di dodici

sirene cieche, senza pretese, in protesi di

amianto a cui possiamo sempre ritornare.

Bava di lumachine a riva, e schiuma d’altomare.

*

(a dirtyinbirdland, sinceramente

Roma, dicembre 2011)

Autore: Nerina Garofalo

Photographer - Personal coach - Narrative thinker Consultant

7 pensieri riguardo “L’educazione delle fanciulle”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Studio Vinci

Photos&NarrativeProjects

ucdr - un colpo di reni

Atti & pensieri per capire + cambiare

L'ora di Alice

Una storia disambientata

intermittenze- scritture di Anna Leone -altre voci-

"Mi manca il riposo, la dolce spensieratezza che fa della vita uno specchio dove tutti gli oggetti si dipingono un istante e sul quale tutto scivola." Alfred De Musset

mobileQuarantine

by Nerina Garofalo

L'ottangolo

Il blog romano che dall'VIII Municipio parla al mondo

Terracqueo

MultaPaucis - Blog di Viaggi on The Road

#Eyelash

Cronache di Eyelash

rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

Antalgica Poetica

L'essenziale è invisibile e agli occhi e al cuore. Beccarlo è pura questione di culo

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Crescenza Caradonna >Cronaca<

ROSA e NERO Cronaca di Crescenza Caradonna

Crescenza Caradonna's blog

Le parole sono pietre

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

Unbound Boxes Limping Gods

The writer gives life to a story, the reader keeps it alive.

incerti editori

più che a modificarli, una poesia insegna a contemplare i pensieri. S. Weil

Cristalli in Ombra

Ridiamo luce alla Bellezza dimenticata

"Fai della tua passione un sogno"

...Il mio Blog creato per condividere le mie esperienze beauty con voi...

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

I pensieri di Hamaika

Scrivere la vita.

365

only poetry saves me

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

Territorio Comanche

Dove tu non vedi i fucili, ma i fucili vedono te

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Non amo che le rose che non coglietti

NOAR

Logbook

Coscienza Storica

di Costantino Marco

Blog di Giovanni Lariccia

Just another WordPress.com weblog

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

FEDERICA ZACCONE EDITOR

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla." (Tiziano Terzani)

Musicsuperevolution Andrea Del Giudice

Critica, Inediti, Esibizioni

The Moment Between Moments

I'm always looking for the perfect moment..with photography I can make it last forever

bei zauberei

il blog di Costanza Jesurum

di Ruderi e di Scrittura

il blog di storia e tradizioni popolari di Gaetano Barreca

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: