Una seduta scomoda

(Photo by Vito Coppola)

Come se fossimo seduti sul
risvolto di una giacca posata
a respirare allo schienale di
una sedia di legno che guarda
la finestra nel suo oltre in qualche
modo disperante. Come se avessimo
vent’anni, il sesso che ci incalza, la
sfrontatezza di aspirare immuni
dalla bocca la quiete salva di una
sigaretta. E come non ci passassero
davanti i luoghi del non detto rincorrendoci
in affanno. Così scontassimo il passato non
percorso senza dazio. E siamo pelle scesa
in questo nostro stare, ci tremano un po’
gli occhi se li teniamo a riposare.

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...